.:.| Pierluigi Tolu Fotografia |.:.
Cronache Dalla Quarantena - Chiusi...

Mala Tempora Currunt… Cronache Dalla Quarantena

Cronache Dalla Quarantena - Chiusi...
Chiusi…

Mala tempora currunt sed peiora parantur
(Stiamo vivendo brutti tempi, ma se ne preparano di peggiori)

Marco Tullio Cicerone

Così, pare, disse Cicerone poco tempo prima della fine della Repubblica Romana un bel po’ di anni fa, e mai frase fu più adatta a descrivere questi “strani giorni” di quarantena che stiamo vivendo in questa prima metà del 2020. Ma ormai siamo entrati nella “Fase 2” di questa emergenza, quindi ci corre l’obbligo di essere un po’ più ottimisti del nostro illustre antenato.

La Quarantena. Tutto Cominciò Quando…

Quando, in realtà, non ce lo ricordiamo nemmeno più! Abbiamo vissuto questi ultimi due mesi in un tempo sospeso, rinchiusi in casa, costretti a rimodulare i nostri spazi, le nostre esistenze, i nostri rapporti, le nostre vite, per impedire al nostro nemico invisibile di colpirci e di colpire gli altri. Abbiamo cercato di riempire il tempo che prima non avevamo, affannandoci a far finta di saper fare di tutto, aggrappandoci alla scusa insostenibile che prima non avevamo il tempo di farlo, questo tutto. E così siamo diventati panettieri, pizzaioli, cuochi, blogger, parrucchieri, social media manager, politici, virologi, opinionisti e quant’altro, come facciamo sempre, da Italiani quali siamo, quando c’è qualche argomento di discussione che cattura l’attenzione.

La Paura…

Ma in realtà avevamo solo paura. Paura, oltre che del virus, di noi stessi, dei nostri silenzi vuoti, del nostro Io più profondo che siamo stati costretti a ritrovare, e delle risposte che al nostro Io avremmo dovuto dare. Non siamo abituati. Non abbiamo tempo. Il nostro affannarci nella vita quotidiana ci ha fatto perdere la nostra dimensione, e non siamo più capaci di gestirla quando questa si ripresenta. Ma in questo periodo di isolamento abbiamo avuto modo di stare un po’ più con noi stessi, oltre che con i nostri cari, e chissà che questo non ci aiuti a ritrovarci. Almeno un po’.

Quarantena?… Fotografiamo!

Durante questi giorni di quarantena, nonostante l’impegno dello Smart Working, ho riflettuto su tutto questo e sul modo di affrontare questo periodo. Non è stato difficile. Duro, ma non difficile. E dopo un primo periodo di smarrimento e confusione, tutto è tornato a quadrare nelle mie giornate. Ho persino trovato nuovamente la voglia di fotografare, che inizialmente era del tutto scomparsa. Grazie anche al progetto “Strani Giorni” degli amici del gruppo Fotografico Rifredi Immagine di Firenze ed alle loro serate in video-conferenza, ed al “progetto” delle “Cronache Quaranteniche” promosso dalla FIAF, ho cercato di trovare ispirazione in quello che mi circondava nel quotidiano.

Una Piccola Galleria Di Immagini

Ecco quindi una breve galleria di alcune immagini raccolte in questo periodo. Esse rappresentano i nuovi oggetti e i nuovi modi di vivere che ci stanno accompagnando da quasi due mesi, e con in quali, temo, dovremo convivere ancora per un po’. Ho cercato di raccontarli, a modo mio, perché rimangano nella nostra memoria.

Non voglio dare ragione a Cicerone, voglio essere più positivo, e quindi sperare che il peggio sia ormai alle nostre spalle. Del resto è iniziata la Fase 2…….o no?

Se ti piacciono le mie foto, visita le altre mie Gallerie Fotografiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *