.:.| Pierluigi Tolu Fotografia |.:.

Qualcosa di me… (Biografia)

Ciao a tutti e benvenuti nelle mie pagine!

Poche parole per raccontarvi qualcosa di me… una piccola Biografia sperando di non annoiarvi troppo, ma che spero possa aiutarmi a condividere con voi la mia passione verso la Fotografia!

Io con la mia Rollei 35 (Biografia)
Io con la mia Rollei 35

Mi chiamo Pierluigi, dal 1970 Sardo di nascita e dal 1989 Toscano d’adozione, ma sempre fortemente legato alla mia terra d’origine. Sono sposato con Luisa, e abbiamo due bambini meravigliosi. Sono impiegato in una multinazionale del settore farmaceutico, e nel (poco) tempo libero mi dedico alla passione che mi segue da una vita: la Fotografia.

Gli inizi in analogico

La mia prima vera macchina fotografica arriva ai tempi dell’università, una Vivitar V2000 con 50mm f:1.9, tuttora perfettamente funzionante. Fino a quel giorno avevo scattato occasionalmente con l’attrezzatura di qualche amico, ma quella è stata la mia prima vera porta verso la Fotografia. Ricordo di aver passato due giorni interi a scattare a vuoto, senza pellicola, per capirne tutti i segreti e trovare il giusto feeling con lei. Poi finalmente caricai il primo rullino e iniziai a fare le prime foto (scarsi i risultati…), ma da quel giorno non mi sono più fermato!

Il passaggio al digitale

Nel 2012, anche se con un po’ di diffidenza, sono finalmente arrivato al digitale, con una Nikon-D700, dopo un breve periodo con una Lumix FZ-18. Ma nel frattempo il mio “parco macchine” si è arricchito di diversi esemplari, a dire il vero più analogiche che digitali, anche se nell’ultimo periodo gli scatti in pellicola si sono fatti meno frequenti. In realtà scatto fotografie con qualsiasi cosa possa farlo (anche con il telefonino, perché no?….), perché ritengo che la fotografia non sia una questione di mezzo utilizzato.

Certo gli scopi e le finalità per l’utilizzo di uno o dell’altro mezzo cambiano molto: per lavori impegnativi e di alta responsabilità (Matrimoni, Cerimonie, ecc.) il digitale è molto più comodo e ti dà maggior flessibilità, mentre invece per progetti personali da sviluppare nel tempo ritengo che l’analogico abbia ancora qualche marcia in più. Diverse sono le sensazioni, diverse le emozioni, diversi i tempi necessari…… e sono sempre più convinto che in un’era come quella che stiamo vivendo, dove tutto è frenetico, veloce, urgente, ed in un attimo tutto è già passato, stiamo correndo il rischio di non saper più assaporare i veri valori e piaceri della vita perché non abbiamo più il tempo per farlo! Ecco quindi perché ritengo importante che ciascuno di noi riesca a ritagliarsi un po’ di tempo per rallentare, abbassare il ritmo, respirare e godersi qualche momento di vero relax……ed il mio freno (dopo la Famiglia ovviamente) è la Fotografia.

Se state ancora leggendo questa breve Biografia, credo sia giunto il momento di fermare le parole e dare spazio alle Fotografie, che spero possiate apprezzare….e non dimenticatevi di farmi avere il vostro parere, mettendo un vostro commento, condividendo sui social, oppure contattandomi nell’apposita sezione.